• Silent forms
Silent forms

Silent forms

Le fotografie da cui nasce il libro "Silent Forms" sono state scattate con una semplicissima Holga, macchina interamente di plastica, compreso l'obbiettivo, di medio formato e con forti limitazioni: un solo tempo meccanico, due aperture del diaframma, f. 8 e f. 11, le opzioni vicino e lontano. Nonostante tutti queste limiti, le foto di Baldacchino raggiungono un alto livello espressivo, e le imperfezioni dell'apparecchio sono sfruttate a fini creativi, come le imprevedibili vignettature che rendono le fotografie di un fascino particolare o la scarsa nitidezza dell'obiettivo che contribuisce a creare una dimensione quasi ovattata. Baldacchino isola oggetti, luoghi, strutture all'interno di un salvifico sfondo lattiginoso dalla forte dimensione atemporale. In un bianco e nero magico che tutto amplifica e tutto nobilita e che sa donare particolari saturi di intimità. Vedi di più