• La forma del fare. Estetica e ontologia in Jeanne Hersch
La forma del fare. Estetica e ontologia in Jeanne Hersch

La forma del fare. Estetica e ontologia in Jeanne Hersch

Sulla grande pensatrice ginevrina erede e discepola di Karl Jaspers, considerata da tutti una delle voci più originali d ella filosofia esistenzialista, è mancato fino a oggi uno studio approfondito, compiuto, in grado di rendere conto del suo complesso sistema teorico e delle sue molteplici ramificazioni. Dal problema dell'essere alla questione della trascendenza, il pensiero di Jeanne Hersch si sviluppa nel solco di un'ontologia che non tralascia mai la questione dell'esistenza e trova anzi il proprio compimento in un'estetica intesa come teoria del fare, della creazione, della poiesis. Assumendo come punto di riferimento privilegiato il monumentale saggio Essere e forma, Roberta Guccinelli si avventura all'interno dell'articolata produzione teorica herschiana offrendo un'originale lettura dello statuto dell'opera d'arte alla luce di questioni chiave come il rapporto fra originale e copia, pensiero e trascendenza, mito e reale. Vedi di più