• Della visione e dell'enigma. Umberto Saba da Petrarca all'Europa
Della visione e dell'enigma. Umberto Saba da Petrarca all'Europa

Della visione e dell'enigma. Umberto Saba da Petrarca all'Europa

"Di chi è figlio Saba? Perché tutti in arte come nella vita siamo figli di qualcuno". È una delle prime domande di Stori a e cronistoria del Canzoniere. Il primo enigma che trova una soluzione nelle pagine di un altro Canzoniere. Quello petrarchesco, che ha segnato e accompagnato Saba fino al tentativo di sincronizzarsi con la cultura europea. Fino a quando non peserà su Lina la sorte 'materna' che era toccata a Laura, l'enigma di una sua Scorciatoia. Subito dopo il triestino è pronto ad allontanarsi da Petrarca. Col sostegno di Freud, egli tenterà un edipico atto sacrificale per eliminare simbolicamente il primigenio padre poetico, dal quale eredita, per il suo Canzoniere, il fatale totem onomastico. Ma da Petrarca il poeta infine riparte per ridisegnare, tra esitazioni, ripensamenti e dissimulazioni, nuove trafile genealogiche per la propria poesia, già costituzionalmente esposta alle potenzialità plurinazionali della cultura triestina. Vedi di più