• Il prigioniero senza voce
Il prigioniero senza voce

Il prigioniero senza voce

In un tempo e in uno spazio apparentemente definiti si snoda la storia di un uomo, accusato e condannato ingiustamente p er un crimine non commesso. Seguendo l'ordito narrativo della vicenda di Alessio Lerrante, si assiste alla parabola di un'anima impegnata a ritrovare il rispetto di sé, la felicità perduta, la gioia dell'attimo, la libertà negata dai legacci troppo stretti dell'esistenza moderna. Un percorso umano e al tempo stesso una riflessione psicologica intensa, difficilmente riducibile a significati univoci, tutta orientata a rincorrere un senso, a smascherare le menzogne del mondo, a trovare una chiave di comunicazione con il mistero della vita e della morte. L'incontro con la fede porterà salvezza e conforto al protagonista, ma solo dopo averlo trascinato in un labirintico viaggio introspettivo fino al sorprendente epilogo. Vedi di più