• Imperativo. Non voglio più piangere
Imperativo. Non voglio più piangere

Imperativo. Non voglio più piangere

Vi sono storie che crediamo siano create e definite per la sceneggiatura di un film. Invece accadono nella realtà e quan do questo avviene, si rimane turbati, sconvolti. Non bisogna andare lontano con la percezione e la lettura, per sapere che la violenza è ad ogni angolo e tristemente dentro le nostre mura di casa. È questo che mi è accaduto. Non consapevole delle brutalità dell'uomo, perché cresciuta in una vita sì grama, ma piena d'amore, ho sognato la comprensione e il calore umano, per poi invece, approdare all'isola della solitudine. Il peggiore giogo che ci lega alla violenza, è l'odio e il dolore, che se rimane silenzioso dentro di noi, comincia a gridare, paradossalmente, flebile e pesante, schiacciando e mutando la nostra realtà, finché non crediamo, addirittura, che quella realtà orrenda, sia normale. Ma non lo è. Ciò che leggerete, forse non vi turberà. Forse siete stati abituati a certe realtà. O forse, direte, non è possibile. E invece... Vedi di più